Home page giovedì 29 giugno 2017  -  Fai diventare questo sito la tua Home Page  Aggiungi questo sito tra i tuoi preferiti  Contattaci


Home Page > Attività > Mostre

Mostre

 

Michele TOMALINO SERRA

Per una rivalutazione del patrimonio artistico torinese

a cura di Donatella Taverna, Alfredo Centra, Francesco De Caria

La manifestazione gode del patrocinio di: Città di Torino, Centro Studi Piemontesi, Biblioteche Civiche Torinesi, ISAA, Raccolte De Caria Taverna, Associazione Immagine Piemonte, Museo Franchetti.

 

              Nel corso della ricognizione del patrimonio d’arte conservato presso il Collegio di via S. Francesco da Paola e nel ventennale della morte dell’Artista si è ritenuto dedicare un ricordo a Michele Tomalino Serra (Cossano Belbo 1942 - Torino 1997), personalità significativa nonostante l’esistenza breve e non sempre facile.

Tomalino Serra era artista dei numerosi usciti dall’atélier di Gigi Morbelli, e fu tra i più vicini al Maestro sino alla sua scomparsa; fece parte del gruppo che ruotava attorno alla galleria di Stefano Pirra dei tempi di Corso Cairoli, vero e proprio salotto di incontro fra artisti, collezionisti e critici d’arte, con aperture all’arte europea e in particolare al Postimpressionismo francese e all’Espressionismo mitteleuropeo.

Tomalino fu sincreticamente attento al Postimpressionismo e all’arte di Piero della Francesca e fu osservatore sovente amareggiato e in posizione di pungente critica  della contemporaneità; artista di grande abilità e continuo sperimentatore di tecniche e materiali, ha espresso nella sua arte alcuni dei temi più significativi della cultura occidentale novecentesca. Si possono considerare nella sua opera la reificazione dell’individuo, ridotto a manichino, la restrizione degli orizzonti alla dimensione tutta artificiale degli interni, la struggente “visione” della campagna, lost paradise, la cui evocazione è ora “annebbiata” ora pervasa di luce che rende le parvenze falbe. Il linguaggio - anch’esso proprio in particolare del secondo Novecento - è allusivo e intessuto di citazioni e di simboli, sicché molti suoi dipinti possono esser letti in diverse chiavi, nostalgica, come si può individuare in particolare nelle nature morte e nel paesaggio preindustriale; amaramente ironica, di un “sentimento del contrario” rispetto al sentire comune dell’epoca,  come si può cogliere nella frequente derubricazione di temi e di motivi.

Michele Tomalino Serra è insomma un pittore di grande significatività di un tempo di passaggio, di crisi e disorientamento, di perdita di identità dell’artista, che nella stessa varietà dei soggetti e delle tecniche impiegate, nel citazionismo, esprime uno “svuotamento” della cultura contemporanea che ha rinunciato ai contenuti e alle forme del passato e nello stesso tempo non sa staccarsene, se non in esiti esasperati, che comunque restano al di fuori dell’arte di Michele Tomalino Serra.           

                                                                                                                                            Francesco De Caria

 

DOCUMENTAZIONE

RECENSIONI

LE PRECEDENTI MOSTRE


  - Indice mostre 2010-2015
  - Femminile Plurale
  - Pittori e illustratori per l'infanzia e la gioventù
  - De limo terrae: cinque modi di far ceramica
  - Ritorni: Variazioni sul tema di trentun artisti contemporanei
  - Pier Carlo Jorio - Santi intagliati
  - Il Collegio San Giuseppe di Torino 1875-2015
  - Sette artisti per l'Apocalisse
  - Gamero, una coppia nella vita e nell' arte
  - Quel consentimento unanime e caldo
elenco da 1 a 10 di 27 1 2 3  avanti 

Torna alla pagina precedente
Collegio San Giuseppe - Via S.Franc. da Paola 23 - 10123 Torino - Tel. 0118123250 - Fax 0118124295 - info@collegiosangiuseppe.it
Collegio San Giuseppe - Ver. 2.0 - Copyright © 2017 CSG - Privacy policy - Powered by Soluzione-web